OPEN PLATFORM FOR INTERNATIONAL CINEMA
→ programma
ITALIA 80. Quando la televisione provò a mangiarsi il cinema<br>Summer Preview - lunedì 25 giugno
ITALIA 80. Quando la televisione provò a mangiarsi il cinema
Summer Preview - lunedì 25 giugno

Milano Film Festival anticipa nella cornice del 26° Festival MIX Milano l’ampia retrospettiva collettiva “ITALIA 80. Quando la televisione provò a mangiarsi il cinema” con il film Il sapore del grano di Gianni da Campo (1986), che sarà proiettato al Teatro Strehler lunedì 25 giugno alle 19.

 

“Gioiello nascosto” del cinema italiano degli anni 80, è la storia della delicata amicizia tra Lorenzo e l'adolescente Duilio, in bilico tra la ricerca dell’identità sessuale e la sfida ai tabù del mondo contadino. Da un regista “atipico”, un'opera coraggiosa e priva di moralismi, tra i rarissimi casi di film a tematica gay che non si adeguavano ai cliché dell'epoca, e che venne, al tempo, vietato ai minori di 14 anni, dopo un’importante presentazione alla Mostra del Cinema di Venezia.

 

La retrospettiva ITALIA 80 è tra gli eventi di punta del programma della 17esima ed. del Milano Film Festival, che si svolgerà al Teatro Strehler e in vari altri luoghi della città dal 12 al 23 settembre 2012. Un'occasione preziosa per riscoprire e rivedere sul grande schermo le opere che hanno segnato un decennio del nostro cinema ancora poco indagato, e spesso trascurato. Una fase critica, in cui la televisione commerciale indebolisce il sistema-cinema e ne cambia irreversibilmente le regole; ma anche il decennio in cui le esperienze indipendenti italiane si organizzano intorno ai nuovi festival, e in cui una serie di talentuosi esordienti prova a tentare nuove strade,  rifiutando l'eredità per certi versi ingombrante del grande cinema italiano del passato.

Oltre ai film, tutti accompagnati dai loro registi, anche materiali inediti, miniserie televisive, videodocumentari, cortometraggi ed edizioni restaurate, per costruire un panorama articolato e talmente ricco da “occupare” due anni di programmazione (il secondo atto della retrospettiva si terrà nel 2013).

 

Infine, la retrospettiva sarà anche un'occasione per rendere omaggio a Giuseppe Bertolucci, autore che nel decennio in oggetto ha compiuto uno dei percorsi più sensibili e originali. Non è infatti possibile raccontare gli anni 80 del cinema italiano senza confrontarsi con il modo estremamente personale di raccontare dell'autore parmigiano, l'attenzione a personaggi che descrivono traiettorie “oblique” nella storia contemporanea, l'eccezionale finezza di scrittura che permise ai suoi attori di esprimersi in alcune delle migliori performance della loro carriera. Come era stato già programmato nei mesi scorsi, Italia 80 presenterà al pubblico Segreti Segreti (1984), uno dei vertici della narrazione di Bertolucci, che riunisce anche un gruppo di grandi attrici in una prova di straordinaria intensità (Stefania Sandrelli, Lina Sastri, Alida Valli, Lea Massari, Mariangela Melato, Giulia Boschi), alcune delle quali saranno ospiti del Milano Film Festival a settembre.