1+20 = OPEN CINEMA SINCE 1995
The Iconic Edition

Lo spin off della 1+20 edizione di Milano Film Festival si dedica agli anniversari, alle icone, ai segni lasciati all'interno della cultura musicale contemporanea e esplorati attraverso il cinema, attraverso tre titoli d'eccezione come Gimme Danger, The Man Who Fell to Earth e Nick Cave: One More Time With Feeling. Ma non è solo il cinema che omaggia la musica e spesso accade il contrario: così il programma per Films and Icons lover si accompagna anche di interventi musicali che esplorano il mondo del cinema, come i Comizi d'amore di Stefano Ghittoni, e visual set live che mescolano i linguaggi, segnando una ricerca audiovisiva sempre rinnovata, oltre che un grande ritorno: a due appuntamenti di ricerca curati dal gruppo milanese dei NUL si parte giovedì 6 ottobre con il live cinema di Vincent Moon.

L'anno-totem è il 1976, individuato come convenzionale della nascita del punk-rock a partire dal primo lavoro di Joey e Johnny Ramone. Ma è un anniversario dai confini sfumati: se nel 2016 si omaggiano i quarant'anni del punk, nel 2017 se ne omaggeranno i cinquanta, individuando come convenzionale l'anno di formazione di una delle band fondamentali, apripista (o inventori?) del genere, The Stooges. Abbracciando appieno la querelle sugli anniversari, The Iconic Edition inaugura con la replica imperdibile di Gimme Danger, indagine documentaristica su Iggy Pop e gli Stooges del regista icona Jim Jarmusch (scarica qui il libretto Tutte le valigie di Jarmusch, a cura di Vincenzo Rossini per l'omaggio di MFF2010).

Ma gli anniversari, al cinema, diventano anche occasioni di recuperi storici e così StudioCanal firma nel 2016 il restauro in 4K del distopico ritratto dell'alienazione di Thomas Jerome Newton/David Bowie nella pellicola (è proprio questo il caso) del 1976 del regista britannico Nicolas Roeg, The Man Who Fell to Earth, in uscita in bluray limited edition dal 24 ottobre.

E dagli Stati Uniti, l'eco di un anno chiave come il 1976 attraversa l'Europa e arriva in Austrialia, dove il giovane Nick Cave iniziava a cantare nella band della scuola, The Boys Next Door. Dall'esordio alla più recente catarsi, il nuovo progetto filmico di Andrew Dominik nasceva con l'intento di seguire il processo di produzione del nuovo album dei The Bad Seeds, il magnetico Skeleton Tree: durante la lavorazione dell'album però emerge qualcos'altro e Cave affronta delicatamente e intimamente la recente perdita del figlio quindicenne anche grazie al processo creativo. Un film performance che ha già messo d'accordo critica e pubblico.

Gimme Danger
Gimme Danger

Jim Jarmusch
USA / 2016 / HD / 108´
I The Stooges secondo Jarmusch. O meglio: una lettera d'amore dedicata ad uno dei gruppi protagonisti della scena rock mondiale. Al suo secondo documentario musicale, Jarmusch celebra la storia di una band che non ha solo contribuito alla nascita dell'icona musicale Iggy Pop, ma ha suonato le note di una rivoluzione politica e culturale.
Visualizza la scheda film
L'uomo che cadde sulla terra
The Man Who Fell to Earth

Nicolas Roeg
GBR / 1976 / HD / 139´
Esordio attoriale per David Bowie, nei panni dell'alieno umanoide Thomas Jerome Newton, giunto sulla Terra (New Mexico) con il suo veicolo spaziale in cerca d'acqua per sfuggire all'aridità del suo pianeta, alle prese con le stranezze e gli eccessi della società americana. Tratto dall'omonimo romanzo di Walter Tevis.
Visualizza la scheda film
One More Time With Feeling
One More Time With Feeling

Andrew Dominik
GBR / FRA / 2016 / HD / 112´
Il nuovo progetto filmico di Andrew Dominik nasceva con l'intento di seguire il processo di produzione del nuovo album dei The Bad Seeds, il magnetico Skeleton Tree. Emerge però qualcos'altro. Un film performance che ha già messo d'accordo critica e pubblico.
Visualizza la scheda film
Comizi d'amore

6 - 7 - 8 ottobre | Palazzo Litta
dalle 19:00 alle 21:00
(inaugurazione giovedì 6 alle 19:30)

Comizi d'amore è il programma radiofonico e il format d'intrattenimento inventato da Stefano Ghittoni. Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto.

https://www.mixcloud.com/comizidamore/

NUL

venerdì 7 ottobre | Palazzo Litta
dalle 23:00

NUL è una festa underground. Musica ricercata, ma con il sorriso sopra e sotto la consolle. Tutti ballano e sono invitati a farlo: all’ingresso vi sarà gentilmente chiesto di non usare il cellulare. Gli ospiti internazionali sono sempre originali: Galcher Lustwerk, Lena Willikens, Terekke, Kassem Mosse. NUL è seguito perché è la tipica festa riuscita, quella che non delude mai, dove sai che i DJ non sbagliano un disco e le persone che ballano attorno a te possono essere gli amici od i compagni per quella notte o per tutta la vita. NUL è ogni Venerdì al Plastic, ma con queste due serate speciali con Milano Film Festival stanno per fare un'altra festa memorabile.

http://nul3000.com/

Fountain of Chaos

sabato 8 ottobre | Palazzo Litta
dalle 23:00

Fountain of Chaos è affascinato dagli anni 70 e dalla Natura. I suoi set sono liberi, creativi e selvaggi. Immaginatelo suonare all’alba in una qualche festa nei boschi della Toscana mentre passa un ultimo disco sconosciuto per un pubblico psichedelico ed avrete un’idea di quello di cui parliamo. Quando non è nei boschi lo trovate a Milano, dove con la sua serata NUL ha creato un rifugio ed un riferimento per l’underground cittadino.

Vincent Moon (live cinema)

giovedì 6 ottobre | Palazzo Litta
dalle 23:00

Vincent Moon torna a far ballare e emozionare Milano con un live set d'iimprovvisazione pensato con Rabih Beaini e realizzato a luglio per il festival Terraforma. Qui una piccola preview.

https://www.vincentmoon.com/


Vincent Moon 
(1979) nasce per il grande pubblico nel 2006 quando, insieme al blogger Cryde, crea un progetto destinato a rimanere nella storia della diffusione gratuita di musica e video: i Concerts à Emporter (Take Away Show), ossia il podcast video di uno dei più autorevoli blog musicali francesi, la Blogothèque. Si tratta di brevi documentari su performance di musicisti per lo più improvvisate e in location atipiche, che spezzano le logiche commerciali del videoclip. 

In pochi anni Moon gira centinaia di show e l'iniziale predilezione per il pop si trasforma presto in una ricerca onnivora che attinge largamente al sottobosco delle nicchie. Accanto a nomi di risonanza globale come R.E.M., Arcade Fire, Tom Jones, The National, Sigur Ros, Mogwai ecco quindi sfilare musicisti meno noti ai più, ma non meno interessanti come The Ex, Scoutt Nibblett, Old Time Relijun, Lhasa de Cela, Liars, o l’urlatore giapponese Kazuki Tomokawa a cui dedica un visionario lungometraggio La Faute de Fleures.



Moon intanto prosegue le sue esplorazioni di territori e formati e lancia più estesi progetti di film e musica. Dalla fine del 2008 abbandona ogni ormeggio e si dedica a setacciare il globo alla ricerca di musicisti di ogni tipo e fama. Una ricerca che presta microfoni e obiettivo, ormai quasi un'estensione dei suoi sensi, alla musica tradizionale e alla sperimentazione, alle celebrazioni religiose e le feste popolari, ai suoni arcaici e alle loro rielaborazioni.

© Milano Film Festival - Milano Film Festival è un marchio registrato di proprietà di Associazione Culturale Aprile - P.iva 03970560961 CF: 97199250156