5-15 SEPTEMBER 2013

Terra de ninguém

Salomé Lamas / PRT / 2012 / HD / 72

DETTAGLI

  • Regista Salomé Lamas
  • Titolo originale Terra de ninguém
  • Titolo internazionale No Man's Land
  • Paese PRT
  • Anno di produzione 2012
  • Formato HD
  • Produzione O Som e a Fúria
  • Produttore Fabienne Martinot, Luis Urbano, Sandro Aguilar
  • Distribuzione O Som e a Fúria
  • Sceneggiatura Salomé Lamas
  • Montaggio Telmo Churro
  • Fotografia Takashi Sugimoto, Salomé Lamas
  • Sound editor Bruno Moreira

PASSAGGI

  • 06-09-2013 22:30 / Teatro Studio
  • 12-09-2013 22:45 / Teatro Studio
  • 14-09-2013 17:00 / Triennale - Teatro dell'Arte

CONDIVIDI

Facebookshare twitter

SINOSSI

In un edificio abbandonato, un telo nero; contro questo si rivela la corografia irregolare del viso e delle mani di Paulo de Figueiredo, portoghese, anni 66, già mercenario e sicario. La voce corrugata dal fumo e dall’alcool racconta atrocità delle guerre coloniali, in Angola e Mozambico, di lavori mercenari per la CIA a El Salvador. Racconta del GAL e della strategia anti basca nella Spagna degli anni Ottanta, racconta processi, assoluzioni, sepolture e condanne. Li racconta con una naturalezza che raggela, perché lui ha il volto e i gesti di uno di quegli ometti che, all’osteria, aspettano di essere chiamati a fare il quinto a briscola per un bicchiere di bianco. Raccogliendo una materia così scottante, Salomé Lamas sceglie l’opzione del documentario minimalista: divide le affermazioni del testimone in un centinaio di segmenti, numerati, secchi come colpi, e riduce dove può le proprie interferenze. Costruisce un film che mette a fuoco l’impossibilità di rappresentare il mostruoso, ma anche il potenziale mostruoso del raccontare e del raccontarsi, lungo il crinale ambiguo, anche questo una terra de ninguém, tra confessione e menzogna. Produce O Som e a Fúria, compagnia responsabile del gran ritorno del cinema portoghese contemporaneo (Tabu di Miguel Gomes).

Alessandro Uccelli

REGISTA

Salomé Lamas, nata nel 1987. Vive e lavora a Lisbona. 
Ha studiato Cinema a Lisbona (ESTC) e a Praga (FAMU international); ha inoltre frequentato un corso MA in Letteratura Irlandese e storia dell'arte americana post-bellica in Praga (Charles University). Ha ottenuto un MFA in Fine Arts presso Amsterdam (Sandberg Institute – Gerrit Rietveld Academy) e ha ottenuto un dottorato in ricerca in Film Studies presso Coimbra (Coimbra University). Ha partecipato ad un corso di arte visiva al "Calouste Gulbenkian Foundation Creativity and Artistic creation Program" e al Berlinale Talent Campus.
Ha lavorato su immagini basate sullo scorrere del tempo ed ha presentato i propri lavori sia in spazi artistici come in festival cinematografici.
Salomé Lamas è conferenziera, ricercatrice e filmmaker. 

FILMOGRAFIA REGISTA

  • Terra de Ninguém (No Man's Land) 2012
  • A Comunidade (short) 2012
  • Encounters with Landscape (3x) 2012
  • Golden Dawn (short) 2011
  • VHS: Video Home System (short) 2010
  • Imperial Girl (short) 2010
  • Jotta: A minha maladresse é uma forma de delicatesse (Jotta: my maladresse is a way of delicatesse) 2008

NOTE DI REGIA

Walter Benjamin diceva che la Storia è il luogo dove il singolare si concretizza in una totalità invariabile – questa è la premessa dalla quale partiamo. Stabilisco che la conversazione (in questo film) ha luogo in una “terra di nessuno”, ossia nè nella mia zona di sicurezza, nè in quella di Paulo de Figueiredo. Tale premessa dovrebbe generare un sentimento di dislocazione per entrambe le parti. Inizialmente, la location dovrebbe essere anonima. Gradualmente, ciò che è fuori campo acquista un peso e si stabilisce la consapevolezza di un luogo e di un tempo. Nonostante cio, è ancora difficile riconoscere l’identità del luogo in cui ci troviamo.

Salomé Lamas