5-15 SEPTEMBER 2013

La lampe au beurre de yak

Hu Wei / FRA / CHN/ 2013 / HD / 17

DETTAGLI

  • Regista Hu Wei
  • Titolo originale La lampe au beurre de yak
  • Titolo internazionale Butter Lamp
  • Paese FRA/CHN
  • Anno di produzione 2013
  • Formato HD
  • Produzione AMA Productions
  • Produttore Julien Féret
  • Distribuzione Ama Productions
  • Sceneggiatura Hu Wei
  • Montaggio Hu Wei
  • Fotografia Jean Legrand, Stephane Degnieau
  • Sound editor Hu Wei

PASSAGGI

  • 06-09-2013 22:30 / Teatro Strehler
  • 11-09-2013 22:30 / Teatro Strehler
  • 14-09-2013 15:00 / Teatro Studio

CONDIVIDI

Facebookshare twitter

SINOSSI

Un giovane fotografo e il suo assistente ritraggono, mettendole “in scena”, alcune famiglie di nomadi tibetani. Tutto si svolge, con camera fissa, davanti a un sistema di sfondi modificabile, dalla Città proibita con la gigantografia di Mao, al palazzo del Potala di Lhasa, a una spiaggia con palma. Quando l’ultimo fondale si alza, la camera cambia messa a fuoco per la prima volta e svela quello che la globalizzazione e il governo centrale di Pechino stanno portando anche a quelle altitudini. Sebbene Hu Wei non espliciti il contenuto politico, il suo film mostra tutte le contraddizioni del cambiamento e dell'occupazione cinese in Tibet, oltre ad essere una riflessione magnetica su realtà e rappresentazione.

Alessandro Uccelli

REGISTA

Hu Wei è nato in Cina, a Pechino, nel 1983 e vive e lavora tra Pechino e Parigi. Filmmaker e artista visivo, ha seguito diversi corsi in queste arti, prima in Cina e poi Francia, in particolare alla FEMIS, nella Scuola Nazionale di Belle Arti a Parigi e presso Le Fresnoy.

FILMOGRAFIA REGISTA

  • Le propriétaire (short) 2012
  • La lampe au beurre de yak (short) 2012
  • Sans toi (short) 2009

NOTE DI REGIA

L'idea del film è nata quando accidentalmente mi sono imbatutto in una foto di Bash Micheal, «Varsavia 1046». Volevo riprodurre il dispositivo di fotografare personaggi dietro sfondi diversi. È una pratica ancora molto popolare in Cina. Volevo un film ordinato, tra finzione e documentario, realtà e sogno, la civiltà moderna e le abitudini tradizionali, l'ideologia cinese e le credenze tibetane. Il mondo di oggi è complesso, i conflitti sono ovunque, compreso nel Tibet, ma non avevo dare un giudizio positivo o negativo, volevo solo mostrare i cambiamenti di oggi, nella sua tangibile e a volte sconosciuta immanenza.

Hu Wei