milano film festivalino

in collaborazione con

“Mentre la fantasia, l’invenzione e la creatività producono qualcosa che prima non c’era, l’immaginazione può immaginare anche qualcosa che già esiste ma che al momento non è tra noi”. Questa frase di Bruno Munari sembra cucita su misura per questa edizione di milano film festivalino che quest’anno si sdoppia: un programma per bambini dai 4 ai 7 anni, ricco di suggestioni visuali e racconti per la prima infanzia e uno, pensato per un pubblico dagli 8 ai 12 anni, che affronta temi più profondi e contemporanei. Il festivalino è un’occasione unica per costruire spettatori di domani capaci di scoprire realtà provenienti da tutto il mondo, da una fiaba cinese a un racconto sulla diversità visto con gli occhi di una tigre senza strisce. Una piccola oasi d’immaginazione che, attraverso una risata o un divertito spavento, restituisce al cinema quella capacità di parlare a ogni età e sguardo.

Sperimentare, allenare la fantasia e parlare dei bisogni delle famiglie contemporanee. Al milano film festivalino quest’anno – in vari spazi di The Space Cinema Odeon – ci sarà un mondo da scoprire oltre lo schermo. Laboratori creativi e talk pensati per i bambini e per i loro accompagnatori, ambientati in mini scenografie evocative.
Il programma è a cura di The Playful Living (Partner Culturale del festivalino), piattaforma di co-progettazione che interviene in spazi pubblici e privati per trasformarli in luoghi di confronto, per far scoprire il valore del gioco condiviso tra adulti e bambini. Proprio come un buon film, giocare permette infatti di fondere realtà e immaginazione, e allena la mente a pensare nuovi modi per interagire con l’ambiente sociale e ambientale, persone e territori, con le comunità e la città. Contribuisce a creare, insomma, bambini e cittadini felici.