PEOPLE MAKE IT DIFFERENT
Mr Poster Presents: Play it Again Woody!

Nel 2011 il Milano Film Festival ha scoperto, insieme alla personalità genialmente posata di Randall Poster cui dedicò una rassegna, il ruolo del music supervisor, il consulente musicale che, scegliendo le canzoni, conferisce un tocco speciale a un intero film.

Uno sdoganamento di cui siamo fieri e che ha avuto un curioso seguito. Finita le sedicesima edizione, Mr. Poster ci ha scritto: “Che ne direste se facessi un omaggio a Woody Allen raccontando i suoi film dal punto di vista musicale?”. La risposta è stata: “Certo”. Così, quest’anno, Randall Poster torna come curatore ospite di una rassegna. Non possiamo che esserne onorati. 

Woody Allen e la musica sono un connubio tanto stretto quanto spesso trascurato nel cinema alleniano, concentrati come si è a capirne l’umorismo. Eppure, si sa, Allen è un clarinettista e un fanatico dello swing, del jazz di New Orleans, di gente come Benny Goodman e Django Reinhardt, al quale è ispirato il personaggio di Emmet Ray in Accordi e disaccordi. Basti un esempio, le canzoni scelte da Allen per i titoli di testa spesso commentano la storia che si sta per vedere, come la maccheronica Agita, unico successo di Nick Apollo Forte, che interpreta un suo alter ego nel graffiante Broadway Danny Rose.

Nasce così Mr. Poster Presents: Play It Again Woody!, un percorso in 7 classici di Allen che Poster presenterà dal vivo. Un’occasione unica, sia perché la guida è un newyorkese puro,

sia perché dell’amore tra musica e immagini in movimento è un amante fedele che, solo in questa stagione, ha curato tra gli altri una nuova serie di Broadwalk Empire, Hugo di Martin Scorses e Moonrise Kingdom di Wes Anderson.

Non mancano puntate negli inizi del cinema di Allen, con Bananas e The Sleeper, né il film che apre con la sequenza perfetta per descrivere emotivamente cosa significhi vivere nella Grande Mela: Manhattan, sulle note di Rapshody in blue di George Gershwin, sintesi pura e assoluta tra musica e immagini, bianco e nero, pubblico e privato. 

Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini

---

Randall Poster esordisce come cosceneggiatore per un film indipendente, A Matter of Degrees (1990), scritto insieme a Jack Mason e sviluppato al Sundance Institute. Dopo esperienze sporadiche come produttore, il suo primo film da music supervisor è Kids (1995), esordio di Larry Clark, sceneggiato da Harmony Korine, per il quale Poster realizzerà anche l’esordio da regista Gummo (1997). Il culto per entrambi i film rende Poster molto richiesto nella scena indipendente americana che si sviluppa negli anni 90.

In particolare, diventano fondamentali i legami stretti con autori come Wes Anderson e Todd Haynes, che hanno entrambi l’intuizione di coinvolgere Poster a un livello molto alto di sceneggiatura. Con Anderson Poster lavora a Rushmore (1998), I Tenenbaum (2001), Le avventure acquatiche di Steve Zissou (2004), Il treno per il Darjeelin (2007), Fantastic Mr. Fox (2009) e Moonrise Kingdom (2012), opere per cui l’ambientazione musicale contribuisce a definire lo stile dell’autore. Per Haynes cura Velvet Goldmine (1998), Io non sono qui (2007) e la serie Hbo Mildred Pierce (2011).
Dalla fine degli anni 90 Poster è richiestissimo anche dal cinema mainstream. Tra i suoi contributi: Una vita esagerata (1997), Ti presento i miei (2000) di Jay Roach, Zoolander (2001) di Ben Stiller, School of Rock (2003) e Prima del tramonto (2004) di Linklater, Zodiac (2007) di David Fincher, Revolutionary Road (2008) e American Life (2009) di Sam Mendes, Tra le nuvole (2009) di Jason Reitman. Tra i suoi lavori televisivi anche la seconda stagione di Lost (2006-2007), il pluripremiato Boardwalk Empire (2010), sempre prodotto da Martin Scorsese.
Con quest’ultimo Poster sviluppa un nuovo rapporto, avviato con The Aviator (2004) e giunto al suo culmine con Hugo (2012). Particolarmente intensa è anche la collaborazione con Todd Phillips, per il quale ha curato le musiche di Old School (2003), Starsky & Hutch (2004) e del fortunato Una notte da leoni (2009). Nel 2012, inoltre, torna a lavorare con Korine per Spring Breakers.
Randall Poster ha fondato Search Party, agenzia di consulenza musicale per il cinema, la televisione e la pubblicità. Tra le ultime attività di Search Party, anche il supporto musicale al progetto sostenuto Google It Gets Better, una campagna di video per il web contro l’omofobia.
Come producer, Poster ha curato le compilation celebrative Rave On Buddy Holly, in occasione dei 75 anni dalla nascita del folksinger, e Just Tell Me That You Want Me: Tribute To Fleetwood Mac.

Annie Hall
Annie Hall

Woody Allen, USA, 1977, 35mm, 93

Come nasce, esplode e finisce la storia tra il comico Alvy Singer e Annie Hall, nevrotici con amore. Manifesto della melan-comicità di Allen, tra Freud e Bergman. Con Diane Keaton che intona una “It Had To Be You” da brivido.
Visualizza la scheda film
Bananas
Bananas

Woody Allen, USA, 1971, 35mm, 82

Diventare dittatori può essere uno spasso, basta che accada a Woody Allen che rischia di diventare il capo di un piccolo stato sudamericano. Una lezione di satira politica, accompagnata dalla colonna sonora eclettica di Marvin Hamlisch.
Visualizza la scheda film
Broadway Danny Rose
Broadway Danny Rose

Woody Allen, USA, 1984, 35mm, 84

Come il talent scout Danny Rose resta invischiato in una storia di gangster a causa della conturbante Tina. Woody e gli italoamericani, per una commedia tenera e feroce con la vecchia gloria Apollo Forte, autore del maccheronico “Agita”.
Visualizza la scheda film
Everything You Always Wanted to Know About Sex* (*But Were Afraid to Ask)
Everything You Always Wanted to Know About Sex* (*But Were Afraid to Ask)

Woody Allen, USA, 1972, 35mm, 88

Sette episodi per scoprire il mondo del sesso diventano una giostra di scene surreali, da chi ama una pecora, ad Allen vestito da spermatozoo che aspetta di uscire. Umorismo dissacrante, accompagnato dalla chitarra jazz di Mundell Lowe.
Visualizza la scheda film
Hannah and Her Sisters
Hannah and Her Sisters

Woody Allen, USA, 1986, 35mm, 103

Peripezie esistenziali e sentimentali di tre sorelle, del loro mariti ed ex mariti, tra frustrazioni, tradimenti e nevrosi. Intricata commedia drammatica che fu un grande successo di pubblico e segnò l’inizio di una nuova fase nella carriera di Allen.
Visualizza la scheda film
Manhattan
Manhattan

Woody Allen, USA, 1979, 35mm, 96

La storia di Isaac Davis e delle sue relazioni, diviso tra una giovane ragazza e una donna, sono un poema d’amore in bianco e nero per New York. Lo accompagnano le musiche di George Gershwin, guida melodica nell’anima della Grande Mela.
Visualizza la scheda film
Sleeper
Sleeper

Woody Allen, USA, 1973, 35mm, 89

Miles Monroe si sveglia dall’ibernazione nel 2173 e l’America è una dittatura: travestito da robot, cercherà la libertà con la poetessa Luna. Fantascienza al ritmo di jazz con Allen al clarinetto nella Preservation Hall Jazz Band.
Visualizza la scheda film
The Hangover
Una notte da leoni

Todd Phillips, USA/DEU, 2009, 35mm, 100

Quando ti svegli in una suite devastata e Doug, il promesso sposo, non c’è, devi trovarlo. Per Phil, Stu e Alan, e per il pubblico, sarà un’impresa divertentissima.
Visualizza la scheda film
Dj Set Randall Poster
Dj set

15 settembre ore 21.00 - Sagrato